venerdì 23 maggio 2014

23 maggio, Giovanni Falcone non si può MAI DIMENTICARE



Oggi è l'ennesima ricorrenza della strage di Capaci, del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, e degli uomini della scorta:  Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Ricordo ancora lo sgomento di quei giorni, le parole della vedova di Schifani il giorno dei funerali di Stato, l'urlo della folla contro le istituzioni, tante parole, spesso inutili, spese da personaggi "eccellenti" della repubblica, molti dei quali, anche ai più alti livelli, che risulteranno in seguito in qualche modo macchiati da una certa "contiguità" con la mafia, se non peggio.

 Ricordo anche la storia, nella storia, delle due auto, una dietro all'altra, l'auto di Falcone guidata dallo stesso magistrato, l'attimo di incertezza che salvò la vita ad un componente della scorta che stava sull'altra macchina, che non venne investita in pieno dall'esplosione. Della Mafia conosciamo ormai tante cose, si sono scritti libri e girati film sulla ferocia di  "Totò u curtu" o su Bernardo Provenzano, arrestati in tempi diversi  dopo infinite indagini mentre si nascondevano come topi di fogna in luoghi insospettabili.

Molto c'è ancora però da scrivere, sulla trattativa stato-mafia ad esempio, e su certi sospetti che aleggiano persino sulla più alta carica dello stato. Ma il tempo forse un giorno aprirà uno squarcio anche su questi segreti.

 Intanto ricordiamoci Giovanni Falcone, un'eroe troppo spesso dimenticato del nostro tempo, sicuri che un mondo migliore sarà possibile solo quando non sarà necessario il sacrificio della vita di pochi coraggiosi di fronte ad una "maggioranza silenziosa" che ancora continua a fare affari con la mafia.

Non potrò mai dimenticare il sorriso ironico e disincantato di Giovanni Falcone, siciliano fino al midollo, ben consapevole delle difficoltà e dei rischi del suo lavoro eppure convinto di dover fare il proprio dovere fino in fondo.

Bellissimo questo film:





Della mafia conosciamo ormai molto

mercoledì 5 giugno 2013

giovedì 29 settembre 2011

Foglie al vento





Siamo come delle foglie al vento, pensiamo di andare chissà dove e invece….basta un colpo di vento e puf….

domenica 13 marzo 2011

martedì 1 febbraio 2011

Un anno fa moriva Giuseppe Gatì

Il giovane che aveva contestato Vittorio Sgarbi ed era stato minacciato, dopo pochi giorni morì per uno strano incidente.
Ecco il video della contestazione a Sgarbi:

domenica 28 novembre 2010

Kite Gen, la risposta pulita del vento a petrolio e nucleare



(il disegno è preso dal sito della KITE GEN che ha tutti i diritti sui contenuti del proprio sito)

Esiste un'alternativa pulita, potente, a basso impatto ambientale, semplice pur essendo tecnologicamente all'avanguardia, all'utilizzo di sistemi "sporchi" e pericolosi come petrolio, gas, nucleare e carbone, o "fintamente ecologici" come le biomasse?
La risposta è sì, esiste, è Kite Gen ed è il modo migliore per utilizzare il vento troposferico, che ha una potenza costante nel tempo, senza occupare tanto spazio nè in cielo nè a terra, senza impattare in modo significativo con l'ecosistema, utilizzando una enorme fonte inesauribile di energia.

E'economica in quanto va a pescare con delle ali il vento alle quote giuste, quote irraggiungibili per i normali generatori eolici, mentre tutta la parte elettromeccanoca rimane al suolo (generatori ed impianto).
Le ali sono unite alla parte bassa mediante dei cavi speciali che trasmettono le forze che producono energia. Il sistema si posiziona e si muove disponendosi automaticamente
rispetto al vento.
Andate sul link indicato qui sopra per avere tutti i dettagli.... e pensare che in Italia ci voglio spacciare il nucleare come il "must" ella tecnologia energetica, quando invece è ormai una tecnologia obsoleta in cui che nessun paese investe un soldo (a parte le motivazioni militari).
La Francia, che è uno dei maggiori produttori di energia nucleare, si avvicinò al nucleare per meri motivi di prestigio militare, per dotare la sua "force de frappe" di testate atomiche autonome rispetto a quelle degli usa. Ed ancora adesso gli investimenti sul nucleare nel mondo non sono mai portati avanti da enti privati, segno evidente della mancanza di economicità del tipo di tecnologia (nonostante le stupidaggini che molti politici e giornalisti nostrani sparano quotidianamente).

lunedì 7 dicembre 2009

Intervista a Sergio Mazzanti - Rete dei Cittadini

La Rete dei Cittadini è un nuovo movimento politico che raggruppa tutta una serie di reltà, associazioni e gruppi di cittadini a livello locale. E' una lista civica partecipata. Anche la stesura del programma sta avvenendo con la massima democrazia e partecipazione. C'è un forum di discussione dove ci si confronta.

lunedì 1 settembre 2008

Ho canusciutu Montalbano...

Non poteva essere diversamente. Siciliano, lo sono, anche se vivo da molti anni nel continente, mi pare anche di assomigliare al Salvo della fiction, quindi era impossibile che prima o poi non mi imbattessi nel popolare commissario.
E sono contento di averlo fatto. Mi piace come scrive Andrea Camilleri, mi piace lo stile, la sua visione del mondo, il suo modo di essere siciliano incarnando i valori positivi della sicilianità, lontani anni luce da mafia, ignoranza, e da quei clichè scontati che non fanno merito alla millenaria cultura siciliana.
Mi piace l'utilizzo dei termini siciliani che mi risuonano familiari in mezzo ad una scrittura non dialettale. Mi piace quel senso dell'umorismo che è tipico delle più fervide menti sicule. Insomma chapeau ad Andrea Camilleri ed al suo Salvo Montalbano, di cui stò leggendo le prime avventure. Temo che mi berrò tutta la serie come si beve l'acqua di fonte in un giorno caluroso di estate....

lunedì 2 giugno 2008

martedì 6 maggio 2008

Grace Slick ed i Jefferson Airplan a Woodstock

Una Grace Slick in pallissima a Woodstock con i Jefferson Airplane in una stupenda White Rabbit.
Grace Slick canta ad occhi chiusi, immersa nella musica e nel suono della sua meravigliosa voce

domenica 13 aprile 2008

Elezioni tristi...

E' triste dover votare delle liste "bloccate" dal "porcellum". liste dove non puoi scegliere neanche una preferenza. Tutto già deciso dalle segreterie dei partiti!!

E' per questo che ho deciso di non accettare la scheda per una delle votazioni, facendo mettere a verbale che non accetto la scheda non ritenendo queste elezioni costituzionalmente valide in quanto non garantiscono il diritto dell'elettore di scegliere liberamente l'eletto!



** comunque rinnovo spero di una vittoria di Serenetta Monti come sindaco di Roma (anche un 5% sarebbe un bel risultato) e la sconfitta di Rutelli al ballottaggio (perchè è molto sicuro che si arriverà al ballottaggio...)

giovedì 6 marzo 2008

Il programma della lista "amici di Beppe Grillo Roma"



La lista civica di Beppe Grillo finalmente si presenta:
l'unica alternativa al veltrusconismo imperante!!
Sfortunatamente non alle politiche nazionali, ma a Roma si presenterà alla grande proponendo Serenetta Monti come candidata Sindaco.
Questo è il programma integrale: (cliccare sul titolo del post)


Questa invece è la candidata Serenetta Monti:
http://www.grilliromani.it/index.php?option=com_content
&task=view&id=89&Itemid=1

mercoledì 16 gennaio 2008

La Casta Difende Mastella.....

La moglie di Clemente Mastella viene arrestata. Lui lancia parole di fuoco assai poco responsabili contro la magistratura in parlamento, fà finta di dimettersi e poi Prodi respinge le dimissioni.
Questo non è il teatro dei pupi, questa è la politica italiana!!!

MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO!!

sabato 6 ottobre 2007

Manifestazione Pro De Magistris a Roma

Scusami Amara ma propongo questa interessante notizia, per chi volesse partecipare al movimento popolare a favora del Giudice De Magistris e tutti quei giudici che hanno il coraggio di combattere i fortissimi intrecci tra mafia e politica (intrecci che vedono protagonisti molti importanti politici italiani, di tutti gli schieramenti).
La manifestazione, organizzata dai Grilli Romani e dal movimento antimafia calabrese "ammazzateci tutti" si terrà luned' 8 ottobre alle ore 9.00 a P.za Esedra a Roma fino alle 14.00. Ci saranno banchetti per firmare la petizione pro- De Magistris.
Il VAFFA-DAY CONTINUA!!

http://trailrealeelimmaginario.typepad.com/tra_il_reale_e_limmaginar/2007/10/solidariet-a-de.html

giovedì 6 settembre 2007

Una brava cantante

Nada è stata sempre un'artista originale e creativa.
Questa è una versione live acustica di "guardami negli occhi" con Rita Marcotulli al pianoforte. Niente male..

mercoledì 5 settembre 2007

Malafemmena?

Sarà così?
http://dailymotion.alice.it/video/x1dkz7_malafemmina_fun

venerdì 24 agosto 2007

Giugno '73 - Fabrizio De Andrè

http://www.youtube.com/watch?v=kUN8HlDhEQ4

domenica 19 agosto 2007

Il cacciatore di aquiloni




Ringraziamo la globalizzazione, la maggior possibilità di comunicare e di viaggiare che ci permette di poter avere occasione di leggere romanzi che nascono in diversi paesi del mondo e ci permettono aprire squarci di conoscenza di realtà lontane e sconosciute.

Questo libro di Khaled Hosseini è la storia di un uomo, nato in Afganistan e costretto a fuggire col padre dopo i primi sommovimenti politici nel paese rifugiandosi negli Usa. Qui, alcuni anni dopo, quando già è uno scrittore molto noto e sposato con una ragazza figlia di un generale afgano, viene chiamato improvvisamente dal vecchio amico-socio del padre, che era per lui una specie di padrino, e che gli chiedere di tornare al più presto in Afganistan.

La storia continua con dei colpi di scena e dei momenti altamente drammatici di cui non svelo la trama. Quello che colpisce è la storia di un ragazzo, diventato uomo, che non riesce ad essere coraggioso come il padre, col quale ha avuto un fortissimo legame di amore-odio. Nel suo ritorno in Afganistan scopre i segreti della sua vita e questo lo rende più consapevole di quello che è veramente e di quello che era suo padre.

Drammatico e sconvolgente il ritratto di un Afganistan distrutto occupato dai talebani, ferocemente estremisti nel loro islamismo crudele, intenti solo a frustare, lapidare ed ammazzare tutti i presunti "peccatori".

Bellissimi i quadretti in cui descrive la vita, le abitudini, i costumi, la cultura degli afgani, le varie etnie, le varie classi sociali. Grande importanza per loro hanno i legami di sangue.

Un'Afganistan terra di grandi contrasti e contraddizioni già da prima dei conflitti, ma con una cultura ed un senso del rispetto, dell'onore che poi le guerre cancellano.

Gli aquiloni che vengono cacciati dai piccoli Amir ed Hassan in una Afganistan ancora libera non sono solo metaforici ma anche reali e materiali.

E sono l'alfa e l'omega del romanzo, l'incipit e la chiosa, il senso profondo del racconto stesso. Aquiloni che volano, felici, colorati, hanno una loro vita propria, si impennano, corrono, vanno in picchiata e si combattono tra loro, chi perde muore, ha il filo tagliato e precipita inseguito da una serie di "cacciatori" che cercano di impossessarsene.

giovedì 16 agosto 2007

C'è tempo di Ivano Fossati

Dopo il seminario teatrale di Artimino mi è tornata in mente questa bellissima canzone di Ivano Fossati
http://www.youtube.com/watch?v=KeUJDM9OKmA&mode=related&search=

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno che hai voglia ad aspettare
un tempo sognato che viene di notte
e un altro di giorno teso
come un lino a sventolare.
C'è un tempo negato e uno segreto
un tempo distante che è roba degli altri
un momento che era meglio partire
e quella volta che noi due era meglio parlarci.
C'è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d'estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando
è l'ora muta delle fate.
C'è un giorno che ci siamo perduti
come smarrire un anello in un prato
e c'era tutto un programma futuro
che non abbiamo avverato.
È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo
per questo mare infinito di gente.
.Dio, è proprio tanto che piove
e da un anno non torno
da mezz'ora sono qui arruffato
dentro una sala d'aspetto
di un tram che non viene
non essere gelosa di me
della mia vita
non essere gelosa di me
non essere mai gelosa di me.
C'è un tempo d'aspetto come dicevo
qualcosa di buono che verrà un attimo fotografato, dipinto, segnato
e quello dopo perduto via
senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata
la sua fotografia.
C'è un tempo bellissimo tutto sudato
una stagione ribelle
l'istante in cui scocca l'unica freccia
che arriva alla volta celeste
e trafigge le stelle è un giorno che tutta la gente
si tende la mano
è il medesimo istante per tutti
che sarà benedetto, io credo
da molto lontano
è il tempo che è finalmente
o quando ci si capisce
un tempo in cui mi vedrai accanto a te nuovamente
mano alla mano che buffi saremo
se non ci avranno nemmeno
avvisato.
Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno più lungo per aspettare
io dico che c'era un tempo sognato
che bisognava sognare.

Neve

"Neve" è un romanzo di Orhan Pamuk, noto scrittore turco autore anche di "Il mio nome è rosso".

in "Neve" Orhan Pamuk miscela sapientemente una storia di un amore difficile con la storia della turchia moderna, sempre in bilico tra lo stato laico modello "Ataturk", filo occidentale ma in genere poco incline alla democrazia, e l'estremismo islamico più o meno accentuato, il tutto condito da un pizzico di indipendentismo filo-curdo.

Il protagonista è un poeta turco espatriato in Germania che torna in patria un pò perchè incuriosito da un ondata di suicidi di giovane ragazze islamiche avvenuti proprio nel paese dove era nato, un pò perchè alla ricerca di una ispirazione poetica che in Germania gli era completamente sparita.

Come altre storie di Pamuk anche questa descrive la difficoltà del singolo nel partecipare ai fatti della propria nazione e della propria gente e, in parallelo, la difficoltà di vivere un vero grande amore non sempre condiviso. Queste due difficoltà intrecciandosi rendono doloroso il cammino del protagonista ma anche dell'autore, che cerca di mettersi nei panni dell'uno e dell'altro.

Molte le analogie col precedente romanzo, a parte il contesto storico differente.

Un fiocco di neve e la sua struttura come paradigma del mondo e dell'uomo.
Dal particolare al generale, dal microcosmo al macrocosmo.

La NEVE pervade tutto il romanzo, in ogni sua fase ed in ogni momento e luogo.
La NEVE ispira il protagonista nelle fasi più importanti del racconto.
La neve ispira l'autore Orhan nel raccontare le gesta del poeta Ka.
La neve accoglie i morti ed i vivi.
La neve è elemento fondamentale per la sequenza del romanzo.
Una neve che blocca un paese, che rende impossibili alcune cose e indispensabili altre.
La neve racconta e la neve nasconde i segreti del romanzo, quelli che non sapremo mai e che forse neanche il narratore conosce.

Non voglio dire di più perchè è un romanzo che merita di essere letto e basta.

sabato 11 agosto 2007

venerdì 27 luglio 2007

brevi sui gatti...



Un giorno un gatto sceglierà di unirsi a voi mentre siete completamente rilassati nei muscoli e nella mente e con un delicato miagolio e una zampa vellutata vi mostrerà la meditazione più eccelsa da vero esperto...

Agli amici

questo post che alex mi ha mandato riguarda gli amici del suo precedente blog trailrealeelimmaginario che probabilmente non sarà più "riesumato". amara

A tutti gli amici che hanno in qualche maniera conosciuto il mio precedente blog, eccoci finalmente a ricominciare. Lo sapevo che finiva che avrei perso 1 anno di lavoro ed avrei dovuto ricominciare ma vorrà dire che lo rifarò con più impegno. Intanto sapete che ho una "costellazione di blog" su cui scrivo, gestiti da me o da miei amici. Questo per due motivi:
1. per non essere legato ad un solo portale;
2. per poter caratterizzare meglio i vari blog a secondo degli argomenti
Sono bene accetti consigli e suggerimenti. Dovrò poi ricostituire tutte le categorie che avevo creato per gestire meglio i miei post. In linea di massima opererò come segue:
http://amaramente.blogspot.com/
sarà il blog di riferimento per quanto riguarda arte, letteratura, cultura in genere e riflessioni più personali (insieme ad amara)

http://trarealeeimmaginario.blog.kataweb.it/
è questo blog, sarà "generalista", parlerà di attualità, politica, sport e commento news

http://trailrealeelimmaginario.blogspot.com/
sarà dedicato a battaglie per la libertà, denuncia di fatti sconcertanti, polemiche forti

http://teatrando.blog.com/
dedicato al teatro, cinema, musica e spettacoli in genere

http://xthematrix.blogspot.com/
un mio vecchio blog "mai nato" nel quale mi collegherò a quei fatti sconcertanti di cui nessuno parla ma "aleggiano" su tutti noi

http://inglunetta.blog.dada.net/
parla di sicurezza del lavoro, riguardo sopprattutto il settore edile

ora il problema sarà il seguente:
ce la farò a portare avanti il tutto? A questo proposito vi invito tutti a inviarmi segnalazioni e spunti per possibili post. Se volete potete anche inviare dei veri e propri post, ne parleremo via Email assieme e se è il caso pubblicherò volentieri.
Avevo una rubrica dedicata ai racconti di Pasquale Navarra che riprenderà, a questo punto approfittiamo della scomparsa del vecchio sito e ripubblicherò settimanalmente un racconto, ogni domenica mattina. Questi racconti saranno pubblicati sia qui che da Amaramente.

Questo post lo inserisco su tutti i blog dell'elenco di cui prima in modo da cominciare a far funzionare questa piccola costellazione di blog. inoltre prometto agli amici che avevo linkato che li rilinkerò. Ho solo bisogno di un pò di tempo per capire come funzionano tecnicamente i vari blog. ciao a tutti
alex

giovedì 26 luglio 2007

Tra il reale e l'immaginario

Esattamente come pensavo è successo un grande casino. Il mio blog originario è bloccato in typePad che pretende che ripaghi un account che io ho già pagato fino al gennaio 2008.
Il nuovo blog kataweb è bruttissimo, poco maneggevole, con orribili finestrelle pubblicitarie che danno un sacco di fastidio, insomma una vera MERDA!!!
Questi sono i miei nuovi blog, in attesa dell'originario per ora bloccato da typePad:

http://trailrealeelimmaginario.blogspot.com/

http://trarealeeimmaginario.blog.kataweb.it/
(l'indirizzo di ques'ultimo non è uguale al precedente)

Mi sono rotto sufficientemente le scatole, dopo un anno di lavoro riparto da zero per colpa di due portali francamente vergognosi nella loro gestione!

giovedì 19 luglio 2007

Tra il reale e l'immaginario..

Il nostro amico alex
http://trailrealeelimmaginario.blog.kataweb.it/
lancia disperati sos dalla rete in quanto non si sà la fine che farà il suo blog nè quello di centinaia di altri bloggers di kataweb che devono aspettare almeno una settimana per sdapere se il loro blog sarà ancora esistente o sarà interrotto "manu militari".
Noi bloggers siamo considerati evidentementi "carne da macello" e non c'è il minimo rispetto per il lavoro quotidiano svolto, lavoro gratis che serve a portare una maggiore informazione, democrazia e trasparenza in rete, visto che gli altri media sono in possesso dei poteri forti e della politica.
Non possiamo che combattere contro questo squallido stato di cose.
Amara

Paolo Borsellino

15 anni fà, a Via D'Amelio, a pochi passi chi casa di sua madre, moriva Paolo Borsellino con la sua scorta uccisi da una mafia vigliacca più che mai. Ripensando a quei giorni non ho parole ma ancora tanta rabbia...

sabato 14 luglio 2007

Spingendo la notte più in là

E' il titolo del libro di Mario Calabresi, figlio del Commissario Luigi Calabresi, ucciso a Milano molti anni fà dopo una feroce campagna diffamatoria di Lotta Continua che lo accusava dell'omicidio di Pinelli (accusa che poi si rivelò fasulla)
E' un bel libro, ben scritto, nel quale si intreccia la storia di anni bui della repubblica italiana con i drammi familiari di famiglie colpite dal terrorismo. Scritto senza peli nella lingua, senza reticenze, con la massima apertura mentale nonostante l'autore abbia vissuto quei drammi in prima persona. Libro indispensabile per capire l'assurdità dello "sdoganamento" dei vecchi brigatisti doc, che diventano scrittori di successo, se non parlamentari o sottosegretari, pur avendo dei morti che dovrebbero pesare sulle loro coscienze.

giovedì 5 luglio 2007

La Cattedrale del Mare

Cosa c'è di meglio piuttosto che vedere 10 film o sorbirsi 100 scemeggiati:
LEGGERE UN BEL LIBRO.
Consiglio a tutti questo libro di Ildefonso Falcones. Uno di quei libri che quando li inizi non riesci a startene lontano. Ti prende, ti affascina, la storia ti si avviluppa e non ti molla più. Il personaggio entra nella tua pelle, i tuoi occhi vedono quello che avviene attorno al personaggio, tu vivi la sua storia.
nell'epoca del virtuale un'avventura così te la dà solo un buon libro!!










giovedì 21 giugno 2007

Parentesi di Luna

Libro intimistico di Monica Cardarelli.
Rimandiamo a questa intervista nella quale la scrittrice parla di sè stessa

http://trailrealeelimmaginario.typepad.com/tra_il_reale_e_limmaginar/2007/06/intervista-a-mo.html

venerdì 15 giugno 2007

Geordie di Fabrizio De Andrè

Una delle più belle ballate di Faber..

mercoledì 13 giugno 2007

Il dilemma

Tra le canzoni di Giorgio Gaber, una delle mie preferite. Clicca sul titolo per vederla e sentirla !

lunedì 11 giugno 2007

Il mio nome è Rosso

Un romanzo d'amore, ma non solo, del più grande degli scrittori turchi, premio nobel per la pace del 2005. Una storia ambientata ad Istanbul nel 1591, ricca di intrighi e di misteri in una Istambul che stà cambiando. Si descrive lo strano mondo dei miniaturisti, la lotta tra la cultura del passato e il cambiamento che è alle porte e che decreterà la fine loro e del loro mondo. In questo quadro c'è anche una storia d'amore contrastata e dolorosa. tra Sekure e Nero e c'è la suspance legata alla ricerca del misterioso assassino di due miniaturisti.
Sono 439 pagine che ho letto con quel piacere che si ha quando si affronta un buon libro. Lo consiglio senz'altro.

Benvenuti in questo nuovo blog "open"

Vediamo se riusciamo a creare un blog condiviso, che dite, ce la facciamo??

Attendo contributi...

Technorati Profile